mercoledì 6 novembre 2013

4a ECOMARATONA DEL BARBARESCO 2013

E con questa sono tre: tre partecipazioni consecutive ad una gara che è diventata un punto fisso nel mio personale calendario agonistico.

Il weekend incomincia sabato mattina, quando accompagno Costanza a un duathlon in mezzo alle risaie nelle vicinanze di Pavia; da qui torniamo nel pomeriggio e ci fermiamo a casa sua ad Alba dove trascorriamo la serata con una passeggiata da turista medio alla fiera del Tartufo.
Domenica mattina la giornata è stupenda, una leggera foschia bassa si adagia sui vigneti che regnano su queste colline ma il bel sole già sorto ci mette poco per rasserenare tutto.
Piazza del duomo ad Alba la sera prima caotica di turista adesso si popola di runner, tanti amici, tra cui una buona partecipazione del nostro gruppo A Sarà düra ma arivùma. Alle 9:00 si parte, la temperatura e gradevole quasi primaverile tanto che correre in canotta è quasi d'obbligo. Mi ritrovo fin da subito nel gruppo di testa insieme all'amico Giuseppe Masaneo con cui già l'anno scorso ci eravamo misurati su queste strade e a ripensarci adesso il film della gara almeno per le mie sensazioni in gara è stato a grandi linee lo stesso. Il percorso è cambiato leggermente nei primi chilometri, dopo il giro di lancio sullo sterrato del parco lungo Tanaro non affrontiamo più un ripido sentiero a scalini ma proseguiamo sulla provinciale per un paio di curve in salita per poi ritornare sul traccato originario e percorrere un lungo tratto su sterrato.
Rimaniamo da soli in testa, gli altri sono dietro a un centinaio di metri e voltandomi scorgo il gruppetto con i favoriti della distanza lunga. Ho notato che in un paio di punti dove la pendenza si faceva più importante il mio diretto avversario perde qualche metro per poi rifarsi subito sotto e rilanciare l'andatura nei punti più scorrevoli; siamo nel primo quarto di gara ma già cerco di costruirmi una tattica. Tattica che alla fine nasce da sola quando dopo essere tornati sull'asfalto incominciamo ad affrontare la lunga salita che ci porterà nel paese di Barbaresco. Corro regolare col mio ritmo e dopo qualche centinaia di metri sento Masaneo perdere terrenoi poco alla volta, potrebbe essere la chiave di svolta, colgo l'occasione e cerco di mantenere una buona andatura per tutta l'ascesa creandomi un discreto vantaggio. A Barbaresco si corre sulla via principale nel solito va-e-vieni, la torre medioevale è il nostro giro di boa. Uscito dal paese svolto a destra al bivio che divide le due gare e scendendo facile finalmente in discesa mi avvicino alla località Tre Stelle. Ogni tanto mi volto e mi accorgo che il gap tra me e il secondo si è fatto consistente e mentre guardo sono immerso nelle caledoiscopiche langhe...
La gara però è ancora lunga e riserva due passaggi che l'altro scorso mi misero in leggera difficoltà: una discesa piuttosto ripida in mezzo alle vigne che quest'anno risulta essere meno problematica in quanto non fangosa e la successiva risalita da Pertince verso cascina Ressia e da lì su di nuovo per le vigne fino in località Altavilla passando vicinissimi a casa di Costanza. La discesa mi frolla parecchio le gambe e in quest'ultima salita accuso un pò il colpo. Passo però in mezzo ai camminatori della passeggiata degustativa che col loro tifo mi aiutano ad arrampicarmi e superare quest'ultimo ostacolo. Una volta scollinato poi la strada spiana per poi diventare una bella discesa su asfalto, due chilometri lanciati verso Alba per arrivare di nuovo a braccia alzate. Triplete!

Concludo in 1:19'15'' sui circa 20,7 km del percorso, qui il mio GC, un tempo identico a quello dell'anno scorso; le classifiche si possono consulatare dal sito fidal qui mentre le foto si possono trovare qui e acquistare sul sito di EAfoto. Il comunicato stampa a cura di Marco Ceste sul sito RunningPassion e a breve il filmato della gara su StileCorsa.

Un plauso a tutto lo staff organizzativo capeggiato da Massimo Casagrande che continua a offrirci una manifestazione di alto livello e che secondo me meriterebbe una partecipazione ancora più numerosa.L'appuntamento su queste strade è a maggio, quando verrà riproposta la maratona del Barolo su due giorni sempre a marchio triangolosport.

17 commenti:

Bogdan ha detto...

Grande Frank!! Complimenti per l'impresa e per il racconto!!

mjaVale ha detto...

complimenti per la gara!!!!

Fausto di Bio Correndo ha detto...

E' da lunedì che aspetto il tuo post, da quando cioè ho visto il tuo risultato cercando gli alessandrini in gara.. Complimenti!!!

saverioba74 ha detto...

Grande zio Frank!

Marco Paulon ha detto...

confermarsi tre anni di seguito sul gradino piu' alto del podio non è da tutti...a dire il vero anche solo salirci una volta non è da tutti...pertanto stra stra stra complimenti!!!

franchino ha detto...

Grazie a tutti!

Pimpe ha detto...

confermo quanto detto... in mezzo alla vigna e alla tartufa sei imbattibile :D

franchino ha detto...

run like a trifula ;-)

Saverio ha detto...

Il Duathlon di Costanza nelle risaie di Pavia lo feci anch'io tre anni fà,quindi eri vicino a casa mia.
Bene ricambio la visita venendo dalle tue parti Sabato e Domenica a Chiusa San Michele per il primo trail della Val di Susa.
Sono stanco ma sono contento di esserci,piuttosto correrò sulle ginocchia...
Per il resto bè..ormai fai notizia solo quando nn vinci :-))

franchino ha detto...

Saverio domani serà dovrei andare a camminare in notturna su parte del percorso del Valsusa Trail. Domenica ho un'altra gara, poi magari vi raggiungo!

Kikko ha detto...

Tu grandissimo e questo lo sai...e poi vederti in piedi sopra una botte con la medaglia del primo non ha prezzo:-)
Grande Frank!!!

franchino ha detto...

Grazie ragazzo!

Andrea87 ha detto...

Alla grande Franco ! Che bella gara.. Quasi quasi ci faccio un pensierino un altr'anno!

clodhead ha detto...

Grazie di averci raccontato così bene questa favolosa mezza, a presto e buone corse

franchino ha detto...

grazie clod!

CHICO68 ha detto...

Bravissimo grande prova.

franchino ha detto...

grazie chico!