domenica 20 aprile 2008

GARA ALLENAMENTO A STUPINIGI

Questa mattina mi sono recato a Stupinigi per fare un allenamento di corsa media. Qui infatti era in programma la corsa “Vivi il parco” e, per non allenarmi da solo al Valentino, ho deciso di parteciparvi anche se la condizione non è al top, curioso anche di vedere più o meno l’andatura che fossi riuscito a mantenere. Inoltre in gara si è aiutati psicologicamente dalla presenza degli altri atleti, cosa non da poco in questi casi di forma non perfetta.
Mentre cerco parcheggio rivivo mentalmente l’arrivo della Tuttadritta che proprio qui aveva il traguardo. Malinconicamente penso a come stavo bene in quel periodo e nel mentre mi scappa un sorriso.

Giunto in zona ritrovo trovo subito Spaghetto e Paolo G., li saluto e vado a iscrivermi. Vicino al gazebo delle iscrizioni incontro Andrea, che rimane contento quando gli comunico che oggi provo a correre.
Dopo un breve riscaldamento si parte. Cerco di non forzare subito troppo l’andatura, mi accodo a Spaghetto e a Paolo e con loro percorro il primo giro all’interno delle mura del castello; il loro ritmo però è leggermente forte per me, prendo il mio passo e li lascio andare. La gara prosegue poi all’esterno, nel bel parco che si estende dietro il castello. Il percorso è praticamente tutto su sterrato, reso pesante da due giorni di pioggia ma nonostante ciò è abbastanza corribile, basta stare attenti alle pozzanghere e a brevi tratti più fangosi. Io continuo con la mia corsa a un ritmo di circa 3’50’’ al chilometro, curo la respirazione e l’appoggio della gamba destra. A metà gara, poco prima del quinto chilometro, provo ad aumentare leggermente il passo; dopo qualche centinaio di metri capisco però che sto chiedendo troppo e prima di entrare in crisi rallento leggermente. Continuo così fino all’arrivo, finendo in leggera progressione.
Oggi ho corso senza tattica e senza l’assillo del cronometro, l’unico obiettivo era quello di correre in maniera regolare sperando di non avere fastidio al ginocchio. E così e stato; concludo a una media di 3'50'' al chilometro e in buone condizioni generali, non sono neanche stanco più di quel tanto. Mi ritengo quindi soddisfatto e mi accontento.
Finalmente ho riassaporato il gusto della gara. Anni fa sarei stato nervoso fino a che non fossi tornato ai livelli precedenti, adesso la prendo più con calma, in modo “zen” direbbe qualcuno…
La gara è stata vinta da Nicola Ciavarella su Prandi e Argenio. Nella seconda batteria, quella dei Master, ottima prestazione dì un sempre più in forma alpino Enzo Falco che vince facilmente su Valerio e Bertola: atleti che senza dubbio avrebbero detto la loro se avessero corso con noi. Tutti i risultati, e le foto, li potrete trovare a breve sul blog di Andrea.

12 commenti:

SPAGHETTO... ha detto...

piano piano.....giusto così............inutile rischiare per guadagnare 20 secondi!!!!!
E poi.........almeno ci dai la possibilità di arrivarti davanti finchè corri "con una gamba"......... :-)
ci si vede alle prossime gare....ciauuuuu
Spaghetto!!!

Paolino ha detto...

La pioggia di questa notte mi ha fatto rinunciare alla gara,pensando al molto fango presente sul percorso.Ma evidentemente mi sono sbagliato....
Peccato,sarà x domenica prossima.

Andrea ha detto...

Ho già pubblicato le prime foto, circa una quarantina.

Appena sarà disponibile, pubblicherò anche la classifica.

Ciao, Franco, e complimenti per il tuo medio "stellare"!

franchino ha detto...

@ Spaghetto: eh eh... occhio che stamattina eri lì nel mirino...
@ Paolino: effettivamente anche io pensavo peggio e invece il fondo era abbastanza buono. Già ieri nel classico giro pregara del sabato al boschetto avevo notato che nonostante due giorni di pioggia il terreno aveva assorbito bene.
@ Andrea: bene! Grazie mille vado a vederle subito.

Guido ha detto...

...se questo è il tuo rientro, figuriamoci quando ritroverai la piena forma! Grande Franchino...

(poi magari mi sveli qualche trucco e mi spieghi come si fa a riprendere a livelli accettabili dopo un infortunio, perchè non credo basti-almeno al sottoscritto- la gran voglia di correre...)

franchino ha detto...

@ Guido: grazie mille! Purtroppo nel nostro sport trucchi non ce ne sono e non ti inventi niente... bisogna solo faticare! Certo una buona dose di forza di volontà e un pizzico di masochismo ti aiutano...!

Andrea ha detto...

Ma come caspita ha fatto la prima donna a fare quel tempo incredibile?!? Sesta assoluta?!?

franchino ha detto...

azz... e chi la vista! ma questa ragazza non era in nazionale? però ho trovato poco niente su san google... boh.. comunque viaggia ben bene va. Io nel mio piccolo ho tirato la gara alla seconda, la ragazzina del saluzzo, sò cavaliere...

Furio ha detto...

Ottimo rientro Franchino, il ginocchio come va? Hai ancora fastidio ogni tantoal tendine rotuleo?

franchino ha detto...

Grazie Furio, rientro normale dai, non sto facendo lavori, solo corsa lunga a parte un collinare di 21 km, una seduta di 3X2000 mt a 7'00'' e la scalata di oggi alla collina di Turin. Il ginocchio sembra che vada, sto facendo da una settimana impacchi di argilla verde con olio di arnica, fenomenale. L'unico problemino è che probabilmente inconsciamente corro no bene in asse perchè finito l'allenamento sono indolenzito dal quadricipite supoeriore alla chiappa (scusate) fino a mezza schiena... dovrei andare a farmi manipolare un pò ma il tempo in questi giorni è poco.

Cristina ha detto...

Bentornato!!

franchino ha detto...

Grazie Cristina!